Coro Popolare della Maddalena

A Genova, nel gomitolo di vicoli del centro storico, c’è un coro: il Coro popolare della Maddalena. Ha un anno di vita. L’abbiamo fondato con uno scopo preciso: favorire l’armonia sociale e l’integrazione fra gli abitanti della Maddalena, un’area della città vivace e multiculturale, ma attraversata anche da tensioni e caratterizzata da fenomeni come la prostituzione diurna e lo spaccio notturno.

Abitando da anni nel quartiere, spesso ci chiedevamo come unire persone tanto distanti per età, nazionalità, formazione, professione. Insomma, come trasformare l’indifferenza in rapporto. Un giorno, quasi improvvisamente, la risposta: «cantando». Il canto come collante sociale e occasione di incontro.

Così è nato il nostro coro, che rispecchia la ricchezza e la complessità del tessuto sociale della Maddalena, coi suoi impiegati e i suoi disoccupati, i suoi commercianti e i suoi ristoratori, gli studenti, gli artisti, gli artigiani, i pensionati, gli insegnanti, i preti e le prostitute.

Ci ritroviamo ogni lunedì sera tra le pietre millenarie del Chiostro delle Vigne, ospiti del parroco Nicolò Anselmi (ora Vescovo ausiliare), che promuove la laicità dell’iniziativa e dà il suo contributo come tenore. Ci ritroviamo per cantare insieme, e per condividere, al termine delle prove, focaccia e vino.

E dopo un anno possiamo proprio dirlo: è nata una comunità, il canto ha abbattuto ogni muro e ha avvicinato persone che sarebbe altrimenti impossibile vedere riunite nella stessa stanza.

Siamo un gruppo sempre aperto e composto al momento da più di cinquanta persone.

Il progetto prevede un rimborso per i coristi, al fine di dare dignità al loro lavoro e di suggerire nuove possibili professionalità, specialmente a chi svolge un’attività ai limiti della legalità o si trova in una condizione di particolare svantaggio.

Coro popolare della Maddalena – un film di Evrard Niyomwungere

Il repertorio si è formato a partire dalle proposte di ciascun membro e comprende canzoni italiane e canzoni dal mondo: da Sinàn Capudàn Pascià di De André a Vengo Anch’io. No tu no di Jannacci, passando per i Queen (We will rock you), la tradizione napoletana (I’ te vurria vasà) e il Sudamerica (Cielito lindo). Un mosaico scaturito dall’eterogeneità stessa dell’organico.

Ad armonizzare i brani è Stefano Cabrera (Gnu Quartet), mentre a dirigere il coro sono Flavia Barbacetto e chi scrive.

Finora abbiamo cantato nelle principali sale genovesi – Palazzo Ducale, Teatro dell’Archivolto, Teatro della Tosse – ma soprattutto nelle strade e nelle piazze, a partire da Piazza Don Andrea Gallo, proprio nel giorno dell’intitolazione, alla presenza di Dori Ghezzi.

Il nostro primo anno di attività è stato documentato da due fotografi d’eccezione, Ivo Saglietti e Martina Bacigalupo, entrambi vincitori del World Press Photo, e dal regista Evrard Niyomwungere, che ha realizzato un documentario.

Il 31 gennaio scorso abbiamo ricevuto un primo riconoscimento ufficiale: il premio La ragazza di Benin City, attribuito ogni anno a persone o enti che si siano impegnati in azioni a favore dei migranti e degli ultimi. Il premio era stato assegnato in passato, tra gli altri, a Roberto Saviano.

ll Coro popolare della Maddalena è un progetto promosso dall’Associazione Per Voce Sola in collaborazione con Teatri Necessari e con la Comunità San Benedetto al Porto di Genova. È sostenuto dal Comune di Genova nell'ambito delle iniziative del Patto per lo sviluppo della Maddalena, con il contributo della Compagnia di San Paolo, cui si è aggiunto quello della Tavola Valdese.

La squadra comprende, oltre agli amici citati, il regista Matteo Testino (che coordina un corso di espressione corporea utile a ricomporre la frattura corpo-emotività che esperienze come la prostituzione e l’emarginazione possono causare) e le due mediatrici culturali Silvia Pierantoni Giua e Valerie Weidinger.

Potete seguirci su facebook e ascoltarci dal vivo il 9 maggio al teatro Altrove, nel cuore della Maddalena, o il 1 agosto a Bergolo (CN), prima data oltre i confini liguri.


Pier Mario Giovannone e Giua

Seguici su Facebook

Coro popolare della Maddalena ha condiviso la foto di Gallucci Editore. ... See MoreSee Less

“‘Piazza Pizza’, una fiaba per bambini moderni splendidamente illustrata da Altan”. Camilla Tagliabue, Il Sole 24 ORE IL LIBRO: www.galluccieditore.com/843.htm #Gallucci #crescereconilibri Pie...

View on Facebook

Sole stupendo e molta musica in arrivo oggi ai Giardini Luzzati! Musica come collante, come ponte fra orecchie diverse eppure uguali, musica per bambini, adulti, impegati, professori, prostitute, suore, educatori, educati, panettieri ed avvocati, disoccupati, stranieri e genovesi.
Eccovi il programma della giornata di oggi, noi parteciperemo come Coro popolare della Maddalena, vi aspettiamo! :)

*ore 16 il laboratorio di Ri-Percussioni Sociali
*ore 18.30 il Coro popolare della Maddalena
*ore 19 Sagra Caruggi e Lanterne con Tiflis Braceria Pizzeria
*ore 21 il concerto Ritmiciclando

Flavia Barbacetto Stefano Cabrera Maria Pierantoni Giua Pier Mario Giovannone
... See MoreSee Less

I GL fanno 5 anni: fino al 2 luglio oltre 70 eventi

giugno 1, 2017, 7:00pm - giugno 14, 2017, 10:00pm

Giardini Luzzati - Spazio Comune

I Giardini Luzzati – Spazio Comune compiono cinque anni e per un mese festeggiano in cinque mosse: dall’1 giugno al 2 luglio (la data di conclusione di questo evento FB NON è indicativa!) musica,...

View on Facebook

Coro popolare della Maddalena ha condiviso il Piazza Pizza di Gallucci Editore. ... See MoreSee Less

“Piazza Pizza”, la nuova fiaba sonora di Pier Mario Giovannone, illustrata da Altan, interpretata da Neri Marcorè e cantata da Giua! IL LIBRO: www.galluccieditore.com/843.htm #Gallucci #crescerec...

View on Facebook

www.musicraiser.com/it/projects/6895-mescciuea
Ancora poco più di ventiquattr'ore per la raccolta fondi per il nostro disco "Mescciüa". Che dire...
Registrare è stata una delle più belle esperienze in cui ci siamo imbattuti, e il merito è tutto vostro. Darci un obiettivo comune così ambizioso ha ulteriormente rafforzato i legami all'interno della nostra grande famiglia, tirando fuori grinta e tenacia in ognuno di noi, senza mai dimenticare la spensieratezza che da sempre ci ha contraddistinto. Grazie all'aiuto di ognuno di voi raisers, ci sentiamo più ricchi, in tutti i sensi :-D. Speriamo che in queste ultime ore qualcuno di voi abbia ancora voglia di partecipare assicurandosi una copia del nostro lavoro, perché davvero non vediamo l'ora di farvelo ascoltare. Vi lasciamo ancora una volta il link per contribuire: www.musicraiser.com/it/projects/6895-mescciuea
Intanto non possiamo che concludere questo post con un sonoro, gigantesco GRAZIE.

P.S: la scritta sul muro della stanza non è opera nostra. Abbiamo motivo di credere che i lupetti che l'hanno dipinta si riferissero a una caccia AL TESORO. Peace&love :-P :-D
... See MoreSee Less

View on Facebook

Dati di fatto:
1. Dopo i giorni della merla abbiamo scollinato. Tra poco arriva l'estate.
2. D'estate in viaggio è assolutamente INDISPENSABILE munirsi di una sporta di CD per rinfrancar lo spirito tra una coda e l'altra.
Conclusioni:
Siate previdenti, acquistate sul musicraiser il supercalifragilistichespiralidoso CD "Mescciüa" e avrete a farvi compagnia non uno, non due, ma ben 45 cantanti tutti per voi (ovviamente virtuali, ché portarseli dietro insieme a ombrelloni e canotto verrebbe un po' scomodo)!
Per chi fosse ancora annebbiato dal letargo invernale, il link per prenotare la propria copia è questo: www.musicraiser.com/it/projects/6895

Noi nel frattempo ci prepariamo ad affrontare il prossimo brano in repertorio, estivo che più estivo non si può, con un'orchestra di kazoo e dondolii twisteggianti che neanche Celentano ai tempi d'oro. Grazie al nostro amico corista Alberto Pellegrino, che documenta le folli prove nel chiostro della Chiesa delle Vigne. E grazie a tutti voi che ci avete sostenuto in quest'avventura e che (speriamo) continuerete a farlo :-D!
... See MoreSee Less

View on Facebook